Home => Cura e bellezza => Cure naturali => Sali di Epsom: cosa sono, i benefici e come usarli
CURE NATURALI
Sali di Epsom: cosa sono, i benefici e come usarli

Qualche consiglio per provare le straordinarie proprietà dei sali di Epsom, tradizionalmente utilizzati per aiutare il nostro corpo in molteplici situazioni, per lenire molti disturbi e apportare beneficio al corpo e alla mente. Scopriamo insieme cosa sono e come usarli in sicurezza.

Sali di Epsom: cosa sono, i  benefici e come usarli
Indice
Cosa sono i sali di Epsom

Nonostante il nome, i sali di Epsom o epsomite, non sono un sale da usare in cucina. Sono conosciuti anche con il nome di sale inglese o sale amaro.

Si tratta di uno dei tanti sali minerali presenti in natura formati da magnesio e solfato (solfato di magnesio eptaidrato, formula chimica MgSO4 • 7H2O) che può essere prodotto anche artificialmente. Sono chiamati sali a causa della loro struttura chimica (è un sale di magnesio dell'acido solforico) ed Epsom perchè è il luogo in Inghilterra dove si trovano nelle sorgenti naturali, precisamente nella città di Epsom, situata a due passi da Londra.

Il magnesio è una sostanza naturale che aiuta in diverse funzioni del nostro corpo, tra cui la rimozione delle tossine mentre il solfato rafforza le pareti del tratto digestivo e rende più facile il rilascio delle tossine presenti. Hanno un sapore caratteristico infatti sono salati e amari e puri, hanno l'aspetto di cristalli prismatici bianchi.

Il sale di Epsom è uno strumento che i medici della medicina alternativa raccomandano spesso per i suoi benefici per la salute fisica e mentale. Si ritiene infatti che la combinazione di magnesio e solfato stimoli i percorsi di disintossicazione. Nonostante nessuno studio clinico ha confermato i suoi benefici, molti operatori sanitari lo consigliano sia perchè non è invasivo, sia perchè si ottengono benefici e il prezzo è ragionevole.

Benefici per il corpo

Si è visto che i sali di Epsom disciolti nell'acqua si scompongono in magnesio e solfato. Si pensa pertanto che, una volta che ci si immerge nell'acqua dove sono disciolti, questi composti entrano nel nostro corpo attraverso la pelle aiutando in tante patologie. Vediamo quali.

Riducono i dolori muscolari e ossei

Un bagno con il sale Epsom aiuta ad alleviare il dolore e a ridurre il gonfiore nelle persone con condizioni infiammatorie, come l'artrite reumatoide, il lupus, la gotta, l'artrite psoriasica, i dolori da contusioni e da distorsioni. Allevia anche i muscoli indolenziti dovuti a eccessivo allenamento fisico. Probabilmente tutto questo è dovuto al magnesio che aiuta il corpo a sbarazzarsi delle tossine responsabili dell'esacerbazione dell'infiammazione, riducendo anche il dolore, il gonfiore e la rigidità.

Problemi di umore, stress e depressione

Si ritiene che il sale di Epsom aiuti a stabilizzare l'umore e ad alleviare lo stress, l'ansia e la depressione. In effetti, alcuni ricercatori sostengono che l'assunzione di magnesio aumenta la produzione di serotonina (ormone della felicità e del rilassamento) nel cervello e dato che i sali di Epsom contengono magnesio, il miglioramento dovrebbe essere palese.

Problemi di rilassamento e sonno

Livelli giusti di magnesio nel corpo aumentano i neurotrasmettitori cerebrali responsabili dell'induzione del sonno e della riduzione dello stress. Il magnesio può anche promuovere la melatonina, l'ormone che induce il sonno. Pertanto si può trarre beneficio dal fare bagni caldi con i sali di Epsom per rilassarsi, allentando la tensione dopo una lunga giornata di lavoro.

Piede dell'atleta, piedi gonfi, unghia incarnita

Il sale di Epsom ti può aiutare a curare il piede d'atleta (infezione fungina della pelle che si verifica di solito tra le dita dei piedi) e le infezioni causate da un'unghia incarnita. Infatti, facendo un pediluvio con i sali di Epsom, i piedi guariscono più velocemente e si allevia il prurito.

Piedi che emanano cattivo odore e talloni screpolati

E' stato visto che fare un pediluvio con i sali di Epsom, può aiutare sia a ridurre il cattivo odore dei piedi che ad ammorbidire la pelle ruvida dei talloni.

Pruriti dovuti a psoriasi e punture di insetto

I sali inglesi hanno dimostrato la loro efficacia riducendo il prurito sia nei casi di psoriasi che di punture di insetto.

Cura dei capelli

Aggiunti all'acqua del risciacquo dopo uno shampoo, combattono i capelli grassi e la forfora, lasciando i capelli puliti, voluminosi e lucenti.

Scottature solari

Sciacquare la parte del corpo scottata dal sole con una soluzione di sali di Epsom è stato dimostrato che da sollievo e attenua il rossore.

Ottimi per migliorare la salute delle piante

I sali di Epsom possono essere usati come concime per apportare magnesio alle piante elemento fondamentale e utilizzato in grande quantità dalle piante per svolgere la fotosintesi clorofilliana.

Uso industriale

Il sale di Epsom viene usato come mordente, ossia come agente in grado di fissare i coloranti sui tessuti e sulle fibre in generale.

Sali di Epsom: cosa sono, i  benefici e come usarli
Come fare il bagno con i sali di Epsom

Per prima cosa occorre preparare l'acqua nella quale immergersi. Questa deve essere calda alla temperatura che desideri (33-38°C sono ideali). Aggiungi i sali di Epsom facendoli scorrere sotto l'acqua corrente in modo che si disciolgano più velocemente. Non usare sali di Epsom in una vasca idromassaggio perchè potrebbe ostruire i fori. Per la quantità da usare rifatti alle indicazioni riportate nella confezione, ma di solito si parla di 1-2 tazze per una vasca di medie dimensioni.

Mantieni la parte del corpo che vuoi trattare immersa per almeno 15-20 minuti. Resta rilassato e non usare sapone. Sarebbe preferibile che dopo il bagno ti rilassassi per un'oretta. Ottimo sarebbe fare il bagno prima di andare a letto: in questo modo ti aiuterà anche a dormire meglio.

Oli essenziali da aggiungere al bagno con i sali di Epsom

E' stato visto che il sale inglese è ancora più efficace se all'acqua del bagno, si aggiungono alcuni oli essenziali la cui sinergia ne aumenta il beneficio:

Ogni quanto si possono usare i sali di Epsom

Non ci sono delle regole rigide su ogni quanto si possano fare. Dipende infatti dalla patologia che vuoi curare: un'unghia incarnita potrebbe richiedere fare un pediluvio solo una volta mentre per un dolore dovuto ad artrosi o artrite potrebbe essere necessario farlo ogni giorno.

Il sale Epson ha dimostrato di funzionare?

I sali di Epsom si usano da secoli. La ricerca scientifica tuttavia, non ha approfondito gli studi sui benefici che può apportare. Non ci sono infatti studi che dimostrano che il magnesio può essere assorbito attraverso la pelle in quantità sufficienti per affrontare potenziali carenze del minerale. Tuttavia, la medicina alternativa raccomanda il sale di Epsom ai pazienti con sindrome di stanchezza cronica e intolleranza al freddo.

Quali sali di Epsom usare

Quando acquisti i sali di Epsom, assicurati di acquistare un prodotto che sia 100% solfato di magnesio e che sull'etichetta sia specificato che è stato testato per uso umano. Il loro aspetto è quello di cristalli, come il normale sale da cucina, e il colore varia dal bianco, al verde, al rosa a seconda dei metalli presenti.

Dove si comprano i sali di Epsom

Il sale di Epsom può essere acquistato in erboristeria, in un negozio che vende alimenti naturali e anche in farmacia.

Ci sono rischi a fare un bagno con i sali di Epsom?

In generale, non ci sono controindicazioni. Solo in alcuni casi specifici è opportuno non usarli, per esempio non dovrebbero usarli le persone con una grave infiammazione della pelle o con ferite aperte o con ustioni.

Sali di Epsom per uso interno

A dosaggi molto bassi possono essere usati con lassativi. Occorre fare attenzione nel loro uso, infatti ne bastano 10 grammi per avere un effetto purgante molto potente. Pertanto vanno usati solo dietro stretto controllo medico.

Un po' di storia sui sali di Epsom

I sali di Epsom furono descritti per la prima volta nel 1824 da François Sulpice Beudant (Parigi 1787 - 1850), geologo e mineralogista francese e isolati per la prima volta ad Epsom da cui appunto prendono il nome estratto dall'ebollizione di acqua minerale.

In natura si possono trovare cristalli lunghi fino a 2 metri di sali di Epsom in diverse parti del mondo. Li ritroviamo: nello Stato di Washington; in California; in Unione Sovietica; in Slovacchia; in Boemia. In Italia troviamo giacimenti in Valle d'Aosta e nella zona di Vicenza; in Trentino-Alto Adige e in Liguria. Sono stati segnalati anche nelle fumarole del Vesuvio.

Sali di Epsom: cosa sono, i  benefici e come usarli
Cristalli di sali di Epsom (Nota 1)
Avvertenze

Occorre tenere presente che i trattamenti medici non devono essere presi alla leggera perchè potrebbero essere dannosi soprattutto se si eccede e si usano in modo inappropriato. Pertanto è sempre opportuno consultare il proprio medico prima di fare qualunque trattamento alternativo.

Note
1. Immagine concessa sotto licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International per gentile concessione di Manuel Pina L.

TI va di continuare a leggere altri articoli interessanti sullo stesso argomento?
Talloni screpolati, cosa li provocano, i sintomi e come curarli

Talloni screpolati, cosa li provocano, i sintomi e come curarli.
I talloni screpolati e secchi sono una condizione comune del piede, che può causare disagio o addirittura dolore. La pelle è come uno scudo che protegge da sporco e infezioni, ma se ferita, non può proteggerci. Vediamo allora cosa li provocano, i sintomi e come curarli...

Fiori di Bach: rimedio Elm (olmo)

Fiori di Bach: rimedio Elm (olmo)
Il rimedio elm nei fiori di Bach è indicato per le persone che pur essendo abili e molto capaci, per motivi di stress, temono di aver perso le loro naturali capacità...

Curarsi con le arance

Curarsi con le arance
Un volo rapidissimo attraverso i cieli della storia per seguire il lungo viaggio dell'arancia che, partita dall'India e dalla Cina, sue patrie d'origine, è rotolata attraverso i secoli fin sulle nostre tavole. Furono gli arabi a fare da ponte tra l'oriente e l'occidente, introducendo l'arancia in Sicilia intorno al IX secolo...

Trovapiante