elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 30 ottobre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Skip Navigation LinksHome > Altre rubriche > Mitologia e ambiente > Mito di Asclepio (Esculapio) il padre della medicina
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Mito di Perseo
Mito di Narciso
Mito di Dafne
Mito di Aracne
Mito di Demetra e Persefone
Mito di Scilla e Cariddi
Mito di Io
Mito di Orfeo ed Euridice
Mito di Pan
Mito di Teseo ed Arianna, del Minotauro e Minosse
Mito di Dedalo e Icaro
Mito di Acheloo, Eracle e Deianira
Mito della nascita del mondo (regno di Urano e regno di Crono)
Mito della nascita del mondo (regno di Zeus)
Mito della nascita del primo uomo e della prima donna
Mito di Asclepio (Esculapio) il padre della medicina
Mito del diluvio universale
Mito della creazione dell'olivo e del cavallo
Mito di Sisifo
Mito di Mida
Mito di Edipo
Mito di Dioniso
L’ambiente pagano slavo-russo
Abbondanza
Ade
Afrodite
Apollo
Ares
Arpie
Artemide
Ate
Atena
Atlante
Centauri
Chimera
Chirone
Ciclopi
Crono
Demetra
Dioniso
Ecate
Efesto
Elios
Era
Erinni
Eris
Ermes
Eros
Estia
Gea
Metis
Ninfe
Oceano
Pan
Persefone
Pluto
Poseidone
Rea
Teti
Tifeo
Titani
Urano
Zeus
Bibliografia
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Come coltivare e curare le nostre piante
MITOLOGIA E AMBIENTE
MITO DI ASCLEPIO

il padre della medicina
Asclepio, mito di Asclepio
Asclepio, Museo dell'Acropoli, Atene (Grecia)

Era in quel tempo Coronide, figlia di Flegia re dei Lapiti, l'amante del dio Apollo. Narrano le leggende che un giorno il dio, dovendosi allontanare da Coronide, ne affidò la custodia a un corvo dalle penne candide come la neve. Coronide, che era attratta da Ischi figlio di Elato, approfittò dell'assenza di Apollo per accogliere nel suo letto Ischi. Il corvo, che aveva assistito alla scena, corse subito da Apollo per avvertirlo di quanto stava accadendo e questi, accecato dalla gelosia, uccise Coronide e il suo amante scoccando dal suo arco due frecce: una per l'infedele a l'altra per il suo amante (secondo un'altra versione fu Artemide a uccidere Coronide su richiesta di Apollo).

Corvo nel mito di Asclepio
Nota 1

Coronide in punto di morte rivelò ad Apollo che era incinta e che il bambino sarebbe dovuto nascere di lì a poco. A quel punto Apollo, stravolto dal dolore per il gesto che aveva compiuto, per prima cosa maledisse il corvo che con tanto zelo lo aveva avvertito ma senza dirgli come stavano esattamente le cose condannando lui e tutta la sua progenie ad avere le penne nere come la notte. Secondariamente trasse dal grembo materno il figlio ancora vivo e lo strinse tra le braccia (secondo altre versioni fu Ermes che trasse il neonato dal grembo materno fu esortazione di Apollo).

Il fanciullo venne chiamato Asclepio e fu affidato dal padre alle cure e agli insegnamenti del saggio centauro Chirone presso le pendici del monte Pelo, dove abitava il centauro.

Re Flegia, il padre di Coronide, saputo della morte della figlia, accecato dall'ira, si recò con il suo esercito a Delfo e distrusse il tempio dedicato ad Apollo che per vendicarsi dell'oltraggio subito, scagliò contro Flegia una delle sue frecce, uccidendolo.

Nel frattempo Asclepio cresceva forte e saggio grazie agli insegnamenti di Chirone e più passava il tempo e più diventava abile e sapiente nell'uso dei medicamenti e dei ferri chirurgici tanto che decise di mettere a disposizione di tutte le persone che soffrivano per malattia, le sue conoscenze.

Asclepio e gli insegnamenti di Chirone
Bassorilievo, museo archeologico nazionale, Atene

Un giorno Asclepio ricevette in dono da Atena due fiale: una contenente il sangue colato dalle vene della parte sinistra del corpo della Gorgona Medusa che aveva il potere di resuscitare i morti; un'altra con il sangue che era colato dalla parte destra dello stesso corpo ma che aveva il potere di dare la morte.

Statua di Esculapio, Musei Capitolini, Roma (Italia)
Statua di Esculapio, Musei Capitolini, Roma (Italia)

Asclepio iniziò a usare questo sangue e furono in molti a beneficiare di questo straordinario dono: Licurgo, Capaneo, Tindareo, Glauco, Ippolito, e tanti altri che furono riportati in vita.

Tutto procedeva per il meglio fino a che Ade, che regnava sul mondo dei defunti si recò da Zeus per chiedergli di fermare Asclepio perchè a suo giudizio stava sovvertendo l'ordine naturale delle cose e le leggi stesse della natura. Zeus, dopo averlo attentamente ascoltato, gli diede ragione e decise che l'operato di Asclepio doveva essere interrotto e così scagliò su di lui le sue folgori, uccidendolo.

Apollo, appresa la morte del figlio e disapprovando il comportamento di Zeus, si recò presso la dimora dei Ciclopi, che avevano il compito di creare le folgori per Zeus, e li uccise tutti.

Costellazione serpentario

Asclepio dopo la morte, fu premiato da Zeus che per la sua saggezza lo elevò al rango di divinità, facendogli innalzare templi e statue.

Zeus fece di lui una costellazione, la costellazione di Ofiuco (Ophiucus) dal greco "ofiókos = colui che tiene il serpente": la si vede a partire dal mese di maggio e fino a settembre e si rappresenta come un uomo che tiene tra le mani un serpente e per questo motivo viene anche chiamata Serpentario.

Ad Asclepio gli furono consacrati i serpenti. Una leggenda racconta infatti che un giorno mentre pensava su come resuscitare Glauco (figlio di Minosse e Pasifae) teneva in mano un bastone sul quale un serpente cercò di salire. Asclepio, infastidito, lo uccise a bastonate. Poco dopo arrivò un altro serpente che appoggiò sulla testa del serpente morto un'erba e questo resuscitò. Allora Asclepio prese quella stessa erba e con essa riportò alla vita Glauco. Da qui probabilmente l'associazione del serpente con Asclepio.

Ad Asclepio fu consacrata la scienza della medicina e gli furono innalzati templi e statue e rapidamente il suo culto si diffuse ovunque nel mondo conosciuto diventando il padre della medicina.

Per i romani il culto di Asclepio divenne il culto di Esculapio introdotto nel 293 a.C. per ordine dei Libri Sibillini per far cessare una terribile epidemia.

Note
(1) Original photograph courtesy of National Park Service (USA)
Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali