elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
martedì 2 settembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Come coltivare e curare le nostre piante
Come coltivare e curare le nostre piante
ANIMALI


CLASSE REPTILIA
OVVERO
I RETTILI

Rettili, classe Reptilia

I rettili sono una classe dei vertebrati eterotermi cioè animali a sangue freddo dove la temperatura del corpo è regolata dalla temperatura esterna non avendo meccanismi di regolazione interna (come invece avviene nei mammiferi e negli uccelli).

I rettili sono definiti dei vertebrati amniotici per via del fatto che l'embrione si sviluppa in una camera piena di liquido, l'amnios o sacco amniotico a protezione dalla disidratazione e dagli agenti avversi esterni (caratteristica che ad esempio non si ritrova negli anfibi)

Sono una evoluzione degli anfibi e rappresentano la conquista dell'ambiente terrestre da parte dei vertebrati.

CLASSIFICAZIONE

Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Reptilia
Ordine Crocodilia (alligatori, caimani, coccodrilli)
Ordine Rhynchocephalia (Sphenodon punctatus, conosciuto come Tuatara, unico rappresentante)
Ordine Squamata (sauri e serpenti)
Ordine Testudines (tartarughe e testuggini)

HABITAT E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA

I rettili sono animali diffusi in tutte le parti del mondo ad eccezione delle zone più fredde del pianeta per via del fatto che non sono in grado di regolare la propria temperatura corporea indipendentememente dalla temperatura ambientale infatti, là dove le temperature invernale scendono entro certi limiti, vanno in ibernazione mentre se le temperature salgono oltre certi limiti o il clima è eccessivamente asciutto vanno in estivazione.

CARATTERISTICHE FISICHE

I rettili non sono quasi mai animali di grandi dimensioni, non superando i 10 m di lunghezza.

Una caratteristica tipica dei rettili è il corpo ricoperto di squame cornee che alle volte formano un vero e proprio esoscheletro (come nei coccodrilli), che servono sia a proteggerli dalla disidratazione che dai eventuali incidenti meccanici.

Lo scheletro è per lo più ossificato (non cartilagineo) ed il cranio è collegato alla colonna vertebrale per mezzo di una sola articolazione come avviene negli uccelli (mentre negli anfibi e nei mammiferi sono due).

Gli arti nei rettili sono in genere ridotti o assenti e quando presenti sono in numero di quattro, provvisti ciascuno di cinque dita ma esistono dei casi in cui sono ridotte a due.

Possono avere dei robusti denti o essere assenti come nelle tartarughe.

Sono provvisti di ghiandole salivarie che in alcuni ofidi sono trasformate in ghiandole velenifere.

I rettili hanno vista una vista molto acuta ed un olfatto altrettanto sviluppato.

RIPRODUZIONE

La maggior parte dei rettili è ovipara vale a dire che la fecondazione avviene internamente al corpo dell'animale ma le uova sono poi deposte e completano il loro sviluppo all'esterno del corpo.. Esistono però dei casi ovoviviparità in cui l'embrione si sviluppa nell'uovo ancora all'interno dell'ovidotto materno e nasce direttamente l'esemplare già formato. Esistono anche casi di viviparità.

Schede monografiche singole specie
Cobra reale, Ophiophagus hannah
Cobra reale
(Ophiophagus hannah)
Serpente a sonagli, Crotalus atrox
Serpente a sonagli
(Crotalus atrox)
Tartaruga marina, Caretta caretta
Tartaruga marina
(Caretta caretta)
Immagine grigia

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali