elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
sabato 2 agosto 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Skip Navigation LinksHome > Rubriche sugli animali > Mammiferi > Tigre del bengala
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Balena megattera
Balenottera azzurra
Balenottera comune
Beluga
Bonobo
Cammello
Capodoglio
Cinghiale
Coyote
Daino
Delfino comune
Delfino tursiope
Dromedario
Elefante africano
Foca monaca
Famiglia Phocoenidae
Focena comune
Focena dagli occhiali
Focena del Golfo di California o Vaquita
Focena spinipinne
Focenoide
Ghepardo
Giraffa
Gorilla
Grampo
Iena
Inia
Ippopotamo
Lamantino
Leone
Leopardo
Lontra
Lupo
Narvalo
Neofocena
Orango
Ornitorinco
Orca
Orso bruno o grizzly
Orso polare
Puma
Sciacallo dorato
Scimpanzé
Stenella
Tigre siberiana
Tigre del bengala
Tricheco
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Come coltivare e curare le nostre piante
Il regno delle Orchidee
ANIMALI
TIGRE INDIANA

O

TIGRE DEL BENGALA
Tigre indiana, tigre del bengala, Panthera tigris, famiglia Felidae
Nota 2
In questo articolo:
Classificazione Dati generali Habitat e distribuzione geografica Carattere, comportamento e vita sociale Caratteristiche fisiche Comunicazione Abitudini alimentari Riproduzione e crescita dei piccoli Predazione Stato della popolazione Importanza sociale ed economica Curiosità I suoni emessi
CLASSIFICAZIONE

Regno: Animalia
Phylum: Chordata
Subphylum: Vertebrata
Classe: Mammalia
Ordine: Carnivora
Subordine: Feliformia
Famiglia: Felidae
Subfamiglia: Pantherinae
Genere: Panthera
Specie: Panthera tigris
Subspecie: Panthera tigris tigris
Nome comune: Tigre del bengala o tigre indiana

DATI GENERALI

Lunghezza del corpo circa 3 m di cui circa 90 cm la coda
Altezza al garrese (1) 90-95 cm
Peso 140 - 265 kg
Durata della vita

- fino a 18 anni allo stato selvatico (ci sono stati casi fino a 20 anni)
- fino a 26 anni in cattività

Maturità sessuale femmina: 3-4 anni
maschio: 4-5 anni

HABITAT E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA

La tigre indiana (o tigre del bengala) è un animale che si ritrova in tutta l'India ma i gruppi più numerosi sono localizzati in Bangladesh, nel Bengala ed alcuni esemplari sono diffusi in Nepal, nel Bhutan, in Cina ed in Birmania.

Non ci sono dei veri e propri habitat ideali per questo animale in quanto vive tranquillamente sia nelle fredde foreste himalayane sia nelle zone calde e acquitrinose anche se preferisce luoghi dove è presente una fitta vegetazione in quanto ama fare gli agguati alle sue prede anche se potrebbe inseguire di corsa senza problemi le sue vittime, anche in acqua o sugli alberi essendo sia un'eccellente nuotatrice che un'ottima arrampicatrice.

CARATTERE, COMPORTAMENTO E VITA SOCIALE

La tigre del Bengala è un animale solitario e questo probabilmente è dovuto al fatto che è un animale che ha bisogno di molto spazio a disposizione per cacciare infatti ciascun esemplare ha necessità di circa 70 km2 di territorio tanto che spesso si soprappone a quello di diverse femmine.

Questo vasto territorio è giustificato dalla tecnica di caccia in quanto fa dei veri e propri appostamenti: prima pedina la preda di nascosto, tenendosi sottovento in modo da non essere sentita, poi quando arriva vicino alla preda la assale e la uccide.

Il rapporto più lungo di vita sociale è quello tra la madre ed i suoi piccoli che può durare fino a tre anni di vita della prole.

CARATTERISTICHE FISICHE

La tigre del Bengala è considerata il predatore per eccellenza in quanto può catturare senza problemi una preda due volte il proprio peso. E' un animale possente, caratterizzato da un collo corto e grosso, spalle larghe e zampe massicce.

Il suo mantello è quello tipico delle tigri, di colore arancione intenso con strisce di colore nero per confondersi nella macchia.

Ha una capacità visiva superiore sei volte rispetto a quella dell'uomo, compresa la visione notturna.

E' un animale provvisto di un udito molto fine ed ha la particolarità di avere la parte posteriore delle orecchie bianca caratteristica queste che sembra le consenta di riconoscere i diversi esemplari al buio.

I denti della tigre del bengala sono caratterizzati da lunghi canini, lunghi dai 7,5 ai 10 cm che servono per uccidere la preda mentre i molari servono per trinciare la carne.

Gli artigli delle zampe sono usati per afferrare la preda, per arrampicarsi sugli alberi e per graffiare la corteccia per marcare il territorio.

COMUNICAZIONE

Le tigri comunicazioni tra di loro in diverse maniera: con l'odorato, i segnali visivi ed i suoni.

Per delimitare il territorio la tigre del bengala graffia la corteccia degli alberi e poi spruzza l'urina (assieme ad un liquido odoroso) che serve per mandare dei messaggi molto chiari alle altre tigri indicando il sesso, la taglia, lo stato sociale ed anche (se si tratta di urine di un esemplare femmina) se sono disponibili all'accoppiamento.

Le tigri indiane sono animali che possono comunicare anche vocalmente con ruggiti, grugniti, ringhi, gemiti e sibili. Ogni suono ha una sua finalità e sembra riflettere sia cosa la tigre voglia fare o stia per fare sia il suo stato d'animo. Ad esempio il ruggito è di solito un segnale di dominanza, che dice agli altri individui quanto lei/lui sia potente e quanto grande è la sua posizione sociale.

ABITUDINI ALIMENTARI

La tigre del bengala è una cacciatrice nata tanto che può cacciare ed avere il sopravvento su prede due volte superiori il proprio peso. Ama cacciare soprattutto la notte, periodo in cui le sue prede preferite (gli ungulati) sono più attive, anche se non esistono delle regole precise in merito. Caccia tendendo agguati alle sue prede, avvicinandosi il più possibile senza farsi sentire. Raramente le insegue in lunghe corse.

Le prede di piccole dimensioni le uccide mordendo la parte posteriore del collo spezzandogli quindi il midollo spinale mentre quelle di dimensioni più grandi le afferra per la gola schiacciandogli la trachea e quindi uccidendole per soffocamento.

Dopo aver ucciso le sue prede che sono di solito cervi, bufali, maiali, scimmie, le trascina da una parte per mangiarle con calma. Di solito le prime parti che la tigre del bengala mangia sono i quarti posteriori.

Nulla viene tralasciato infatti mangia anche i peli.

Può mangiare fino a 30 kg di carne in una sola volta e quando è sazia, nasconde la preda con delle foglie per ritornare il giorno dopo fino a quando non l'ha completamente divorata, anche se in decomposizione.

RIPRODUZIONE E CRESCITA DEI PICCOLI

La maturità sessuale viene raggiunta nella femmina della tigre indiana intorno ai 3-4 anni mentre nel maschio intorno ai 4-5 anni.

Il periodo in cui la tigre del bengala si accoppia è quello primaverile, quando la femmina entra in calore per circa 3-7 gg. Dopo l'accoppiamento il maschio resta con la femmina ancora per qualche giorno dopo di che se ne va e non alleva i figli il cui compito è affidato esclusivamente alle femmine.

La gestazione dura circa 15 settimane e possono nascere da due a quattro cuccioli che alla nascita e fino a 6-14 gg sono ciechi e dipendono in tutto e per tutto dalla madre.

I piccoli sono allattati per circa sei mesi anche se la madre quando hanno circa due mesi di età, inizia a portare loro piccole prede.

Dopo i sei mesi (dopo la svezzamento) i piccoli iniziano ad accompagnare la madre nella caccia per impararne tutte le tecniche e verso i 18 mesi sono in grado di cacciare da soli.

Rimangono con la madre fino all'età di un anno e mezzo - tre anni.

PREDAZIONE

Le tigri indiane adulte sono animali che non hanno nemici naturali fatta eccezione per l'uomo. I cuccioli di tigre spesso sono cacciati dagli esemplari maschi adulti di tigre.

STATO DELLA POPOLAZIONE

La tigre indiana è classificata nella Red list dell'IUNC tra gli animali ad altissimo rischio di estinzione ENDANGERED (EN): è stato infatti stimato (dati 2008) che nel mondo la popolazione totale è di circa 2500 esemplari.

La principale minaccia per questo insuperabile animale è l'uomo che riduce sempre più il suo habitat naturale e le sue fonti di cibo.

IMPORTANZA SOCIALE, ECONOMICA E NELL'ECOSISTEMA

La tigre indiana è molto importante nell'ecosistema per controllare la popolazione dei grandi erbivori.

Da un punto di vista economico è un animale che rappresenta una grande risorsa per i giardini zoologici e le aree naturali, come importante risorsa economica (ecoturismo).

Il bracconaggio purtroppo è ancora diffuso in quanto la sua pelliccia è considerata pregiata per fare arazzi e tappeti.

CURIOSITA'

Tra i felini la tigre del bengala è quella che ama maggiormente l'acqua essendo tra l'altro una eccellente nuotatore.

La medicina tradizionale cinese, usava parti del corpo dell'animale per preparare medicine alternative ad esempio per diventare forte e feroce come una tigre.


SUONI EMESSI

Per sentire i versi emessi da questo animale, vai all'articolo "I suoni emessi dalla tigre"

Note

(1) Garrese: regione del corpo dei quadrupedi compresa tra il bordo superiore dell'incollatura e il dorso e sovrastante le spalle, in pratica la zona più alta del corpo dell'animale.

(2) Original photograph courtesy of courtesy U.S. Fish and Wildlife Service

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali