elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
sabato 20 settembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Skip Navigation Links
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Toru Iwaya

ANIMALI

Animali, rubrica sugli animali

Premessa

Questa rubrica è dedicata al misterioso e fantastico mondo degli animali e vuole rendere merito a chi, da più di un miliardo di anni, si adatta a vivere nel pianeta terra seguendo i suoi cambiamenti e le sue evoluzioni. Una rubrica soprattutto visiva dove i video faranno da naturale cornice alle parole. In pratica una enciclopedia visiva fatta per cercare di comprende le differenze, gli habitat ed i comportamenti degli animali da quelli più noti a quelli più rari con una particolare attenzione alle specie in via di estinzione o minacciate di estinzione.

E' praticamente quasi impossibile dare una descrizione generale degli animali in considerazione del fatto che due milioni di specie portano con se una estrema variabilità. In questa sede ci limiteremo pertanto a dare delle indicazioni molto generali sugli animali per poi lasciare alle singole schede monografiche di ciascuna classe e specie, lo studio nel dettaglio delle caratteristiche.

Cosa sono gli animali

Parleremo di quel vastissimo complesso che è definito "regno animale" costituito da quasi due milioni di specie, che occupa il cielo, la terra ed il mare e che comprende esseri tutti biologicamente affini e che hanno una posizione dominante tra le forme di vita del nostro pianeta grazie alla adattabilità del comportamento e alla capacità di movimento.

Sono diverse le caratteristiche principali che distinguono gli animali dagli altri esseri viventi sulla terra: hanno un corpo formato da cellule dotate di nucleo (organismi pluricellulari eucarioti); si procurano l'energia necessaria a vivere ingerendo cibo (organismi eterotrofi) in quanto incapaci di sintetizzare le materie prime necessarie al loro nutrimento; hanno una riproduzione sessuale nella maggior parte dei casi anche se talvolta è alternata con fasi di riproduzione asessuata; il corpo è dotati di nervi e muscoli che consentono loro di muoversi ed interagire con l'ambiente che li circonda (in almeno uno stadio della loro vita)./p>

Popolano gli ambienti acquatici, terrestri ed aerei; diverse specie vivono come endoparassiti all'interno di altri organismi viventi.

Classificazione

Il regno Animalia è formato da più di un milione e mezzo di specie viventi ed ogni giorno ne vengono scoperte di nuove. Per mettere ordine in questo grande calderone, le diverse specie sono raggruppare in categorie tassonomiche che formano il sistema di classificazione scientifica. L'ideatore di questo primo sistema fu Carlo Linneo che nel XVIII secolo (istituito con la pubblicazione del Systema naturae) raggruppò gli animali ed i vegetali in categorie in base a precise caratteristiche morfologiche. Successivamente Charles Darwin ha proposto che la classificazione fosse invece rivista secondo le teorie evoluzioniste di discendenza filogenetica vale a dire tenendo conto della storia evolutiva degli organismi.

Con il passare del tempo gli zoologici hanno affrontato il problema su quali criteri adottare per una classificazione coerente e scientificamente corretta ed oggi, dopo molte rivisitazioni, la classificazione che viene adottata si basa sia sulla filogenesi degli animali sia sul grado di differenziazione raggiunto durante l'evoluzione in modo da trovare le eventuali affinità filogenetiche. La classificazione che adottiamo segue l'International Code of Zoological Nomenclature, (Codice Internazionale di Nomenclatura Zoologica) o più semplicemente chiamato The Code (Il Codice). Le differenze che alle volte si trovano sono dovute a differenza di vedute sull'origine, sul valore e sulla affinità di alcuni gruppi animali.

Regno Phylum Subphylum Classe
Animalia Acanthocephala - -
- Annelida - -
- Arthropoda - -
- Brachiopoda - -
- Chaetognatha - -
- Chordata Cephalochordata
- - Tunicata -
- - Vertebrata Agnatha
- - - Anfibi, ribrica sugli anfibi Amphibia (anfibi)

Gli anfibi sono dei vertebrati che si sono in parte adattati alla vita terrestre e conseguentemente nella scala evolutiva sono considerati in posizione intermedia tra i rettili ed i pesci. E' una classe molto numerosa di animali con più di 4000 specie così classificate: Regno Animalia; Phylum Chordata; Subphylum Vertebrata; Classe Amphibia. Per quanto riguarda gli ordini ritroviamo: Anura (sono gli anfibi privi di coda come le rane ed i rospi e con gli arti posteriori atti al salto); Caudata (anfibi con una coda ben sviluppata come ritroviamo ad esempio nelle salamandre, tritoni e sirenidi); Gymnophiona (anfibi di aspetto serpentiformi, ciechi e privi di arti). Le singole specie di animali ciascun ordine saranno ampiamente illustrate.

- - - Uccelli, rubrica sugli uccelli,Aves Aves (uccelli)

Gli uccelli (Phylum Chordata) per il fatto che la maggior delle specie può volare, hanno conquistato tutti gli ambienti sia terrestri che marini. La loro particolarità principale sono le ali (nate per trasformazione degli arti anteriori) tramite le quali possono volare (la maggior parte delle specie) e il fatto che il corpo sia ricoperto di piume grazie alle quali mantengono una temperatura corporea costante. Sono animali bipedi ed ovipari ed hanno forme e dimensioni molto diverse tra loro passando ad esempio dal piccolissimo colibrì non più lungo di di 5 cm al grande struzzo alto anche 2,7 m. Nella sezione a loro dedicata, vedremo le schede per singola specie.

- - - Pesci, rubrica sui pesci Chondrichthyes (pesci Cartilaginei)
Osteichthyes (pesci ossei)

Si tratta di vertebrati che vivono negli ambienti acquatici, siano essi d'acqua dolce che d'acqua salata. La particolarità comune a tutti i pesci è che sono animali eterotermi cioè animali a sangue freddo vale a dire che la temperatura del corpo è regolata dalla temperatura esterna. Sono la classe più ricca di specie infatti da soli sono più della metà del resto dei vertebrati messi assieme vale a dire dei mammiferi, degli uccelli, dei rettili e degli anfibi. Nonostante sia impossibile tracciare dei caratteri comuni per questi animali, in linea generali si può affermare che tutti possiedono le branchie attraverso le quali avviene la respirazione e usano delle pinne per muoversi dentro l'acqua.
- - - Mammiferi, rubrica sui mammiferi Mammalia (mammiferi)

I mammiferi, la classe più evoluta del grande regno degli animali (Phylum Chordata) sono diffusi in tutti i contenenti ed in tutti gli habitat del mondo. Ritroviamo infatti specie che oltre a camminare e vivere sulla terra ferma, volano (come i pipistrelli), nuotano (come i delfini), vivono sottoterra (come il toporagno). Si passa poi da mammiferi di piccolissime dimensioni come alcune specie di pipistrelli a mammiferi giganteschi come le balene. Non esiste una nicchia ecologia del pianeta dove non sia presente un mammifero, diventando quindi degli animali fondamentali nell'ecosistema. In definitiva parliamo di circa 5000 specie, dalle caratteristiche diversissime tra loro, anche come abitudini alimentari passando dai mammiferi carnivori come ad esempio i felini, agli erbivori come ad esempio i bovini, agli onnivori come ad esempio i primati.

- - - Osteichthyes
- - - Rettili, rubrica sui rettili REPTILIA (rettili)

I rettili, al contrario dei mammiferi e degli uccelli sono animali eterotermi, vale a dire animali a sangue freddo, cioè animali la cui temperatura corporea è regolata dalla temperatura esterna. In conseguenza di ciò li ritroviamo in tutte le regioni a clima temperato e caldo del mondo mentre invece non li ritroviamo nelle regioni a clima freddo. Da un punto di vista evolutivo rappresentano la conquista dell'ambiente terrestre da parte dei vertebrati e sono una evoluzione degli anfibi. In pratica i rettili appartengono al Phylum Chordata, Subphylum Vertebrata, Classe Reptilia con diversi ordini: Crocodilia (alligatori, caimani, coccodrilli); Rhynchocephalia (Sphenodon punctatus, conosciuto come Tuatara, unico rappresentante); Squamata (sauri e serpenti); Testudines (tartarughe e testuggini). A seguire illustreremo con schede monografiche le specie più importanti.

- Cnidaria - -
- Ctenophora - -
- Cycliophora - -
- Echinodermi, rubrica sugli echinodermata Echinodermata

Nel grande phylum degli echinodermata si ritrovano animali molto conosciuti e diffusi nell'ambiente marino: parliamo infatti delle stelle marine, delle oloturie, delle ofiure, dei ricci di mare e dei gigli sempre di mare. Ad oggi sono state identificate circa settemila specie che hanno colonizzato tutti gli ambienti marini e tutte le profondità conosciute. La loro principale caratteristica è la presenza di un sistema acquifero che serve sia per la locomozione che per l'alimentazione.

Eleutherozoa
- Pelmatoza -
- Echiura - -
- Ectoprocta - -
- Entoprocta - -
- Gastrotricha - -
- Gnathostomulida - -
- Hemichordata - -
- Kinorhyncha - -
- Loricifera - -
- Mollusca - Aplacophora
- - - Bivalvia (Molluschi bivalvi)
- - - Cefalopodi, rubrica sui cephalopoda Cephalopoda (Cefalopodi)

I Cefalopodi (polpi, totani, calamari, seppie, nautilus, ecc.) sono tra i molluschi marini i più evoluti ed i più attivi. Sono comparsi sulla terra nel periodo Cambriano ed il loro nome deriva dal greco "kephale=capo" e "pous, podos=piede" per la trasformazione del piede in tentacoli che circondano la bocca. Si ritrovano in tutte le acque tropicali e temperate del mondo e solo poche specie sono presenti anche nell'Artico e nell'Antartico. Sono tutti predatori carnivori grazie ai loro sofisticati e molto efficienti organi sensoriali.

- - - Gasteropoda (Gasteropodi)
- - - Monoplacophora
- - - Polyplacophora
- - - Scaphopoda
- Myxozoa - -
- Nemata - -
- Nematomorpha - -
- Nemertea - -
- Onychophora - -
- Orthonectida - -
- Phoronida - -
- Placozoa - -
- Platyhelminthes - -
- Porifera - -
- Priapula - -
- Rhombozoa - -
- Rotifera - -
- Sipuncula - -
- Tardigrada - -

Articolazione rubrica

Parlaremo delle diverse specie che fanno parte di una determinata classe descrivendo, con schede sintetiche e ricche di video e di foto, come vivono, il loro habitat e la distribuzione geografica; il carattere, il comportamento e la vita sociale; le caratteristiche fisiche e le abitudini alimentari; la riproduzione e come viene allevata la prole; la predazione vale a dire quali sono i predatori che possono minacciare quella particolare specie animale e lo stato della popolazione secondo quanto definito dalla Red list dell'IUNC.

Vi proponiamo un video molto divertente che presenta una grande carrellata di animali

Per suggerimenti e consigli non esitate a scriverci.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali